Metodo Montessori: i materiali.

Maria Montessori è stata la pedagoga più influente del XX secolo ed una donna che ha introdotto concetti educativi, che sebbene oggi li vediamo completamente logici, ai suoi tempi erano rivoluzionari come per esempio la libertà del bambino e l’introduzione del gioco nell’insegnamento.

Il metodo Montessori è un approccio educativo che si concentra sull’osservazione scientifica del bambino, che va dal momento della nascita fino all’età adulta e che si basa sul rispetto della sua evoluzione naturale psicologica. È stato progettato per aiutare i bambini a lavorare a proprio ritmo e possibilità, aiutandoli ad apprendere in un modo che gli si adatta meglio e dove quindi l’imposizione viene sostituita con la collaborazione con l’adulto. L’obiettivo è creare un ambiente adatto al loro apprendimento dove il bambino è libero di decidere come vuole dirigere la propria attività e, proprio per  l’inclinazione del bambino verso l’auto apprendimento, il materiale usato è una parte molto importante di questo metodo.

I bambini lavorano con materiali concreti scientificamente progettati che forniscono le chiavi per esplorare il mondo e sviluppare abilità cognitive di base. I materiali sono progettati in modo che il bambino possa riconoscere l’errore da solo e assumersi la responsabilità del proprio apprendimento.

Questi materiali consentono ad ogni bambino la possibilità di esplorare individualmente ed in modo indipendente. Si focalizzano nella ripetizione che aiuta alla concentrazione. Hanno la qualità di isolare le difficoltà, già che ogni materiale  introduce una sola variabile, un unico nuovo concetto, isolandolo e lasciando inalterati gli altri concetti. I materiali hanno il controllo sugli errori: è proprio l’ uso dello stesso materiale che indicherà al bambino se lo ha usato correttamente. In questo modo, i bambini vedono che l’errore fa parte del processo di apprendimento, riescono a stabilire un atteggiamento positivo nei suoi confronti, assumersi la responsabilità del proprio apprendimento e sviluppare la fiducia in se stessi.

I materiali Montessori si possono distinguere secondo le seguenti caratteristiche i ed in base al loro scopo:

Materiale analitico: che aiuta a educare i sensi del bambino e l’assimilazione dei concetti attraverso l’esperienza.

Materiale attrattivo: è un materiale il cui scopo è richiamare l’attenzione del bambino.

Materiale correttivo: che permette al bambino stesso di auto-correggersi.

Inoltre i materiali possono essere divisi per categoria, a seconda dell’area del metodo Montessori:

Materiali di vita pratica

Materiali linguistici

Materiali per la matematica

Materiali di educazione cosmica

Materiali sensoriali

Materiali per lo sviluppo del senso visivo

Materiali per lo sviluppo del senso tattile

Materiali per lo sviluppo del senso stereognostico

Materiali per lo sviluppo del senso termico

Materiali per lo sviluppo del senso uditivo

Materiali per lo sviluppo del senso barico

Materiali per lo sviluppo del senso gustativo e olfattivo

Un esempio sono le attività di vita pratica,  molto importanti per lo sviluppo del bambino, come imparare ad apparecchiare, a lavarsi, a vestirsi ecc. Il materiale adatto a questo tipo di attività dovrebbe essere quanto più simile al materiale reale. Questo perché il bambino deve poter capire che sta realizzando un’attività svolta anche dagli adulti. In questo caso il bambino si sentirà spinto naturalmente ad imitarli. Queste particolari attività incoraggiano lo sviluppo delle capacità fisiche e mentali nei bambini, aumentando la loro indipendenza.